Home Progetti Africa Congo Centro per Ragazze Madri
Centro per Ragazze Madri

Paese

Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire)

 

Progetto

Sviluppo e inquadramento di ragazze e ragazze madri, vittime dello sfruttamento sessuale.

 

Contesto

Uvira, città nella zona Kivu-sud ad est del Paese, si confronta con una realtà di violenza, che ha avuto il suo apice durante la guerra etnica del Congo.

Il Paese si trova oggi ad affrontare gravi problemi legati alla povertà, alla sanità, alla criminalità e allo sfruttamento nel mercato della prostituzione. Il 60% della popolazione è giovane ma senza speranza.

Molti giovani lasciano la scuola per mancanza di mezzi economici e  vorrebbero lavorare,  ma i posti di lavoro scarseggiano. Per le ragazze le possibilità di accedere alla scolarizzazione è ancora più remota e spesso vi è una sola strada, quella del mercato della prostituzione, che è sovente l’unico modo per sopravvivere.

 

Obiettivo

  1. Migliorare la loro condizione sociale, intellettuale e professionale.
  2. Insegnare loro il senso di responsabilità verso la famiglia e la società.
  3. Inserirle nel mondo del lavoro con strumenti reali ed efficaci.
  4. Aumentare nelle giovani ragazze il senso di dignità femminile.

 

Beneficiari

80 giovani ragazze  e ragazze madri sfruttate dal mercato della prostituzione.

 

Materiale

  1. Materiale scolastico
  2. Macchine per cucire
  3. Spese per le insegnanti
  4. Spese per le cure sanitarie
  5. Prodotti alimentari

 

Costo del Progetto (costo iniziale).....................................€ 5.000,00

Inizio del Progetto....................................................Febbraio 2004

Fine del Progetto...................................................rinnovo annuale

 

Il mondo è pericoloso
non solo a causa di coloro che fanno del male
ma, soprattutto,
a causa di coloro che guardano e lasciano fare.


A. Einstein

Un passo alla volta
mi basta.



Mahatma Gandhi

In questi bambini c'è di più.
C'è il coraggio.


Torey L. Hayden

Essere un uomo oggi,
significa
sentirsi responsabile della sofferenza
degli altri


Edmond Kaiser